I ricordi romantici dal suo viaggio di Jiuzhaigou.

Si addormenta con l’acqua scorrente come il suo guanciale.

Una ballata incomprensibile che un vecchio tibetano canterella.

L’osservazione alla distanza corta delle grinze sulla fronte della donna vecchia tibetana.

Al piede delle cascate più splendide, ha detto alla sua innamorata, “Ti amo, come amo questa grande bellezza naturale.”

Fa l’amicizia con una ragazza tibetana o di Qiang.

Beve il liquore d’orzo, balla la danza di Guozhuang e mangia il montone arrostito.

Una canzone folcloristica tibetana che ha imparato.

Una foglia rossa che ha raccolto e ha messo nel diario.

La pietra antica macinando che tocca e sguarda fisso.

Il suo sogno che diventa una foglia galleggiante felice nei boschi.